condividi
stampa
  • facebook
  • twitter

#coronanonsolovirus - IX puntata

infoDescrizione

"Corona: non solo virus"
La Corona Ferrea

Un'altra puntata della nostra rubrica sulle diverse accezioni e declinazioni del termine "corona".

La Cappella di Teodolinda del Duomo di Monza custodisce una delle insegne regali più importanti della storia occidentale, per la sintesi di fede religiosa e rappresentazione simbolica del potere politico: la Corona Ferrea.

L’aggettivo “ferrea” si deve a un cerchio interno di metallo (in realtà non ferro ma argento) battuto a martello che una tradizione risalente al IV secolo identifica con una delle reliquie più sante della Cristianità: un sacro chiodo della crocifissione di Cristo rinvenuto da sant’Elena nel 326 durante un viaggio in Palestina e da lei fatto inserire nel diadema del figlio, l’imperatore Costantino. L’esterno del manufatto, di grande bellezza, consta di sei placche d’oro unite da cerniere e ornate da rosette a rilievo, smalti dai vivaci cromatismi, ventidue gemme e ventiquattro brillanti.

Malgrado la datazione oscilli tra il V e il IX secolo, nella consolidata tradizione che collega la corona alla passione di Cristo e al primo imperatore cristiano risiede il valore simbolico attribuitole da re e imperatori che l’avrebbero utilizzata nelle incoronazioni a re d’Italia per attestare sia il loro legame con gli imperatori romani che l’origine divina del loro potere. Nel 1576 san Carlo Borromeo, istituendo il culto del Sacro Chiodo, riconobbe ufficialmente la corona come reliquia.

Tra i sovrani incoronati con la Corona Ferrea ricordiamo Carlo Magno (800), Federico I Barbarossa (1158), Carlo V d’Asburgo (1530), Napoleone I Bonaparte (1805), Ferdinando I d'Asburgo (1838).
All’incoronazione di Napoleone si lega la celebre frase“Dio me l’ha data, guai ai chi la tocca!”.
Nessuno dei Savoia portò la Corona Ferrea, ma essa fu esposta a Roma come insegna reale in occasione dei funerali di Vittorio Emanuele II (1878) e di Umberto I (1900), che proprio a Monza, città della corona, era stato assassinato. Ordini cavallereschi ispirati alla Corona Ferrea furono istituiti da Napoleone I, Francesco I d'Austria e Vittorio Emanuele II.


Le informazioni riportate sono tratte dal sito web del Duomo di Monza.